Dolciumi

0 articolo sulla lista

go to info request list

Tavolette di cioccolata

L’esempio di progetto mostra un impianto di confezionamento TLM compatto per l’incartonamento e la palettizzazione di tavolette di cioccolata avvolte in carta stagnola e coperte da sleeve. Le tavolette di cioccolata da 200 g e da 250 g, in sei spessori diversi (lunghezza e larghezza rimangono sempre invariate), vengono incartonate in cinque diversi pretagliati di tipo wrap around, posizionate in piedi in senso orizzontale, oppure in quattro diversi pretagliati composti da due pezzi (vassoio e coperchio), posizionate in senso verticale. La portata dell’impianto è di 240 tavolette di cioccolata al minuto, cioè 20 cartoni (confezionamento primario) al minuto oppure tre pallet all’ora.

Per il raggruppamento delle tavolette vengono utilizzati i robot TLM-F44, evitando così ai delicati prodotti di passare ad alta velocità in una catena di raggruppamento ed essere sottoposti ad un notevole impatto meccanico. I robot inseriscono le tavolette singolarmente, impilandole con molta cautela nei pezzi di formato sui transmoduli. Il controllo di qualità eseguito con gli scanner Schubert è fondamentale per soddisfare gli alti requisiti qualitativi di questi prodotti. Oltre a riconoscere la posizione ed il verso dei singoli prodotti, lo scanner rileva anche altre preziose informazioni. E così vengono confezionati solo i prodotti qualitativamente perfetti, riducendo il numero dei reclami imputabili alla qualità ed aumentando allo stesso tempo l’efficienza dell’impianto, visto che i prodotti difettosi possono provocare degli errori nella macchina. Il cambio formato del raggruppamento avviene premendo il tasto per selezionare il formato stesso. Se cambiano le dimensioni dei prodotti si sostituiscono le piastre dei transmoduli. La formazione dei pretagliati wrap around avviene in una formatrice Schubert TLM standard, mentre, in una seconda stazione, un robot TLM-F2 inserisce le pile di tavolette già pronte nel pretagliato formato, prelevandole dal transmodulo. La stazione per la chiusura dei pretagliati di cartone esegue anche la funzione di navetta per lo spostamento delle confezioni complete dal transmodulo al nastro di uscita.

Play

Tortina

Durante la fiera Interpack del 2011 abbiamo presentato la nostra idea del concetto di lavorazione vassoio madre preformato. Nello stesso tempo eravamo già alle prese con un progetto per l’azienda inglese Manor Bakeries. Il risultato è straordinariamente buono. Immaginate due aggregati di prelievo di vassoi, ognuno dei quali preleva 16 vassoi al minuto, il conclusione si ottengono 900 contenitori singoli al minuto. Un contenitore completo è formato in modo da avere tre vassoini singoli attaccate, quale il consumatore può staccare e aprire singolarmente come preferisce.

Il vassoio madre viene riempito con delle squisite tortine tramite bracci robot TLM-F44. Dopo il caricamento i vassoi pieni vengono diretti nelle prossime stazioni TLM di sigillatura e tranciatura dove tramite ultrasuoni avviene la sigillatura del film superiore e contemporaneamente la tranciatura dal vassoio madre. In un ultimo impianto TLM di confezionamento vengono creati cluster da 6 porzioni e infine confezionate direttamente dentro il cartone da bancale. Nel caso in cui dovessero verificarsi degli errori nella seconda o terza parte dell’impianto, i vassoi madre verrebbero momentaneamente accumulati tramite un sistema polmone.

Per la ripresa delle tortine appiccicose è stato necessario sviluppare un utensile a pinza specifico da installare sul braccio del robot TLM-F44.

Play

Barrette di riso soffiato

Due macchine per flowpack Fuji, visibili nella parte anteriore della foto, vengono alimentate con barrette di riso soffiato da una linea Picker TLM-F44, visibile nella parte posteriore della foto. La particolarità in questo caso è costituita dalla velocità delle catene delle due macchine per flowpack che raggiungono ognuna i 1000 mm al secondo. I robot TLM-F44 pick and place riescono a depositare una barretta davanti ad ogni trascinatore. 1000 mm al secondo con una distanza fra i trasportatori di 177,8 mm, fanno una portata di 9,1 barrette al secondo, in altre parole 550 barrette al minuto. Sullo stesso impianto, alternativamente, si possono riempire dei vassoi di plastica con le barrette e successivamente confezionarli in flowpack.

Nelle macchine confezionatrici TLM la maggior parte delle funzioni vengono eseguite a livello del software. Solo in questo modo infatti è possibile raggiungere le cadenze e garantire contemporaneamente la flessibilità indispensabile per adeguarsi alle mutevoli esigenze di mercato.

 

 

 

Play