Bevande

0 articolo sulla lista

go to info request list

Bottiglie di birra

Gli impianti interni dei birrifici raggiungono il loro massimo grado di efficienza producendo in cassette standard e pallet. Ogni scostamento da queste condizioni peggiora i dati di produzione e tante forme di gruppi di bottiglie non sono proprio possibili. Più aumenta il numero di varianti pensate dal reparto marketing o dalla distribuzione e più aumentano le preoccupazioni del direttore della produzione attento ai risultati. Proprio per questi motivi il nostro cliente ha optato per un centro di confezionamento offline fornito da IPS e Schubert. L’idea di risolvere il problema di confezionamento con una soluzione completa e molto flessibile ha convinto il birrificio. Grazie alla tecnologia TLM, oltre ai formati esistenti, sono pensabili ampliamenti in ogni momento. Attualmente l’impianto confeziona cartoni da 6 con la classica fascetta o top-clip, caricandoli su diversi tipi di contenitori per il trasporto: p.e. cassette da 30, cassette sagomate e vassoi logipack. Il centro di confezionamento scarica da cassette da 20, 24 o 27, trattando non solo diverse bottiglie standard (a collo lungo, renana, steinie), ma anche due bottiglie dal design individuale. Inoltre sono disponibili dei programmi per la sostituzione delle bottiglie vuote con quelle piene in diverse cassette. Per queste vere e proprie acrobazie del confezionamento il birrificio che dispone della tecnologia TLM è attrezzato al meglio. Infatti un robot con braccio rinforzato F4, concepito appositamente per l’industria di bevande, può per esempio formare in modo flessibile, prima un quantitativo tampone, a cui accedere successivamente per trasformare le cassette da 20 in cassette da 11 oppure le cassette da 27 in cartoni da 6. La flessibilità permessa dal TLM-F4 si può utilizzare anche nel confezionamento secondario, per inserire e ruotare singolarmente le confezioni. L’impianto è formato da otto componenti e la sua portata arriva fino a 14.400 bottiglie all’ora.

Play

Bottiglie di champagne

Questo impianto di confezionamento TLM Schubert confeziona 150 bottiglie di champagne al minuto con sei bracci F4. I cartoni vengono formati da un robot F2 e depositati nell'utensile sul transmodulo che, grazie alla sua forma speciale, trattiene i cartoni e ne rende superfluo l'incollaggio. Dopo il deposito dei cartoni il transmodulo si accoda agli altri transmoduli che si muovono insieme come un’unica catena, andando incontro ai prodotti. La velocità dei transmoduli è controllata dai robot F44 che inseriscono le bottiglie nei cartoni, nel verso desiderato. Una caratteristica particolare della macchina è quella di contrassegnare il fondo delle bottiglie di champagne con il numero del lotto. Due stampanti laser imprimono il numero sul vetro durante il loro passaggio a bordo del transmodulo.

Play

Bottiglie di birra

Le bottiglie delle bibite con il vuoto a rendere devono disporre di un dispositivo di trasporto. A questo scopo la ditta Logipack ha creato il sistema speciale Logipack con cui chiunque, uomo o donna che sia, può portarsi a casa i pacchi da 4, 6, 8, 10 o 12 bottiglie trasportandoli comodamente dall'apposita maniglia.

La conversione dell'imballaggio dal vassoio Logipack alla confezione Logi-Tray avviene completamente in automatico nel Logipacker TLM. I vassoi Logipack riempiti di bottiglie, per lo più bottiglie di birra, vengono alimentati nella prima parte della macchina TLM (nella foto in basso), cominciando da destra, dove vengono tolti dal vassoio e posizionati su dei transmoduli che sono forniti di appositi utensili per il trasporto. Se richiesto, le bottiglie si possono ruotare in una stazione di allineamento (secondo telaio macchina), in modo che tutte le etichette siano visibili dalla posizione desiderata: che ordine! Parallelamente, nel primo e nel secondo telaio macchina, vengono formati i cestelli dai pretagliati delle scatole preincollati. Nella terza parte della macchina le bottiglie vengono inserite nei cestelli. Nella quarta e nella quinta parte della macchina i cestelli vengono chiusi con un coperchio. Nella sesta parte della macchina TLM i cestelli vengono reinseriti nel vassoio Logipack.

La portata del Logipacker è di 28.000 bottiglie all'ora, in altre parole 7,7 bottiglie al secondo. La ripreparazione del Logipacker dura pochi minuti, sostituendo gli utensili e adattandolo al  numero di bottiglie previste nella confezione.

Il Logipacker, la prima macchina confezionatrice fornita di un nuovo trans modulo, è al momento la macchina confezionatrice più flessibile al mondo.

Play