Componenti del sistema TLM

0 articolo sulla lista

go to info request list

Dietro gli impianti di confezionamento TLM si trovano i singoli componenti del sistema TLM – quali rappresentano dei veri e propri miracoli della meccatronica. Bisogna conoscere gli aggregati più importanti per poter comprendere le macchine TLM.

Robot TLM-F2

Il robot TLM-F2, ormai in uso già migliaia di volte, prende le origini dal leggendario robot SNC-F2 dell’anno 1984. Il TLM-F2 è comandato da due servomotori, permettendo di muoversi liberamente in un area bidimensionale di 1,2 x 0,8 m. Il TLM-F2 generalmente si occupa della formazione di contenitori, così come il caricamento o la chiusura. La mano del robot è prevista per un cambio rapido del suo utensile con agganciamento induttivo avendo già con se tutti gli allacci necessari per attivare le funzioni. Il braccio robot accelera fino a 2G, raggiunge velocità massime di 3 m / sec e può sollevare fino a 40 kg.

Robot TLM-F3

Il robot TLM-F3 è stato progettato per riprendere imballi vari dal magazzino. Un compito che ovviamente viene svolto egregiamente grazie ai suoi tre assi. Attraverso una semplice programmazione in pochi parametri, è subito in grado di riprendere autonomamente delle fustelle stese, o altro, dal magazzino. Un dispositivo pneumatico, posto sulla mano del robot, assicura l’esatto agganciamento del suo utensile a ventose o pinze. Avvolte il robot TLM-F3 viene usato anche per altre funzioni come ad esempio il caricamento o chiusura astucci. Può sollevare fino a 20 kg.

Robot TLM-F4

L’aggregato TLM-F4 è un robot pick and place a 4 assi che lavora in combinazione con il sistema di visione TLM. Il braccio manipolatore riprende prodotti da un nastro trasportatore in entrata in continuo movimento riprendendo e posizionando i prodotti in un contenitore, vassoio o raggruppando una formazione su un Transmodul. Quando si hanno 2 robot F4 in una stazione TLM comprensivo dell’apposito sistema PLC e sistema di visione, è intesa per Stazione Picker TLM-F44. Il braccio TLM-F4 raggiunge accelerazioni fino a 15 G con velocità di punta fino a 5 m / sec., produce un livello sonoro di soli 70 dB. I robot TLM-F44 sanno lavorare in gruppo – insieme raggiungono l’obiettivo garantendo confezioni integre.

Sistema di visione TLM

Essendo molteplici di prodotti da gestire è stato creato un apposito sistema di visione TLM Schubert, giusto per affrontare le più svariate forme da confezionare. Gli scanner sono concepiti a passo di 200 mm in larghezza arrivando a coprire nastri fino a 1800 mm. Esiste lo scanner con rilevazione ottica sotto nastro, quale infine non fa altro che generare un’immagine d’ombra del oggetto, e lo scanner con visione dall’alto che analizza la forma geometrica dall’alto. Gli scanner con visione dall’alto sono disponibili con rilevazione dati 3D. Il sistema di visione TLM e in grado di analizzare fino a 4000 prodotti al minuto e nello stesso tempo svolgere un controllo individuale di qualità su ogni singolo prodotto.

Il Transmodul

Il Transmodul è un veicolo intelligente che si occupa interamente del trasporto di prodotti e confezioni all’interno dell’impianto di confezionamento TLM. Il Transmodul è il primo robot trasportatore al mondo. La versione dotata con pompa a vuoto integrata genera fino a 0,1bar, garantendo la tenuta di prodotti e confezioni attraverso ventose. I veicoli possono muoversi indipendentemente l’uno dall’altro con accelerazioni massimali di velocità pari a 4,5 m/s. La potenza elettrica come anche i dati vengono trasmessi in modo induttivo. Durante il trasporto è possibile compiere senza alcuna difficoltà funzioni di etichettatura, stampa, lettura etc. Il guasto di un Transmodul non ha conseguenze sulla disponibilità dell’impianto, rimovendo infatti il singolo veicolo l’impianto continua nelle sue funzionalità. Per l’effettuazione del cambio formato basta sganciare in pochi secondi la piastra utensile e sostituirla con l’utensile nuovo. Lungo il percorso binario possono muoversi fino ad un massimo di 32 Transmodul in continuo. Il Transmodul permette inoltre una costruzione dell’impianto TLM molto compatta con l’ulteriore vantaggio di ottima accessibilità.

Transmodul website

Panello operatore TLM

Il panello operatore TLM è il PLC guida dell’impianto di confezionamento. Lo schermo, oltre a tutte le funzioni, riporta l’intera grafica impianto segnalando posizioni esatte di eventuali interventi. Inoltre si ha a disposizione il completo manuale d’uso ed il manuale manutenzione con la capacità di ritrovare ogni parte ricambio e fornendo informazioni precise. La messa in funzione e la fermata viene semplicemente gestista da sue tasti. Ovviamente è possibile avere diverse aere di accesso operatori conformi anche ai standard richiesti nel settore farmaceutico.

Struttura TLM

La struttura TLM – formata da lamiere saldate tra loro – forma la cellula portante per i differenti aggregati. Dietro gli sportelli superiori apribili elettronicamente, si trova tutta la periferia di comando macchina. Le grandi porte di protezione garantiscono l’ottima accessibilità su ogni funzione. Nelle cerniere portanti delle porte sono integrate dei tasti di commando macchina nonché moderni luci LED che segnalano lo stato attuale delle singole cellule lavorative. Le strutture TLM esistono in 40 diverse dimensioni, vengono verniciate come desiderate dal cliente oppure realizzate in acciaio inox.